Motoestate 2019: L’inizio sotto l’acqua!

Debutto bagnato per i Trofei Wheelup Motoestate sul circuito di Franciacorta. Dopo un sabato di bel tempo, i piloti la domenica hanno dovuto lottare contro la pioggia che ha bagnato l’autodromo bresciano. Nonostante il tempo inclemente, lo spettacolo non è mancato, così come la partecipazione di concorrenti e pubblico a riprova della passione per il torneo più antico d’Italia. E come di consueto, dopo la prima domenica, giungono i primi verdetti, con vittorie per Ferri, Como, Pisano, Raineri, Cristini, Magnano, Filippi, Vivas, Pirotti e Palladino.

motoestate

Dopo la mattina di prove, servita a testare le moto in condizioni di bagnato, i primi a scendere in pista per le gare sono stati i piloti della Supermono insieme alla 250 sp. Vittoria al fotofinish per Fabio Ferri, che precede sul traguardo Carlo Chiono, secondo assoluto, e primo della 250 sp. Al secondo posto della 250 si piazza Della Bianca, che precede Oliviero Danelli, terzo. Nella IGP vittoria di Alessandro Ambrosi, al primo anno con le ruote alte, Raineri, 300.

125 sp- Moto4:

Griglia folta e tanti giovani tra le due categorie. Marco Como, con la Bucci Moto4, vince indisturbato. Una bella vittoria per Marco, che comanda dall’inizio alla fine. Alle sue spalle bella bagarre tra Rapanotti e Morri, che chiudono in volata dopo una bella bagarre. Il migliore dei Rookies è Marco Rapanotti sulla Phantom, che debutta nel migliore dei modi nella nuova categoria. Nella speciale classifica riservata ai debuttanti, il secondo posto è per Di Emanuele, su Phantom, che batte la concorrenza di Corsaro, 2R Imr. M

Nella 125 Pisano scivola, riparte e conquista la classe Open, mettendo alle sue spalle Cambioni. Peccato per Maffei che va a terra nell’ultimo giro e vanifica il podio, così come Specolizz, che era da podio nella sp. Proprio la Sp ha visto vincitore Repetti davanti ai debuttanti De Padova e Dell’Innocenti.

300 SS:

Gara splendida ravvivata dalla lotta tra le Kawasaki di Raineri e Ragusa che dopo essersi passati più volte nell’arco della gara, sono arrivati distanziati di un decimo sotto la bandiera a scacchi. Primo centro per Raineri, bravo a chiudere le porte a Ragusa. Terza piazza per il bresciano Felappi che precede Zulian. Il podio assoluto è il medesimo del Challenge Go Eleven che mette in palio per il vincitore del torneo, la partecipazione all’ultima prova del mondiale a Magny Cours. Nella classifica per le moto 300 vittoria di Sarchi, quinto assoluto. Sul podio insieme al vincitore sono saliti Agazzi, al debutto assoluto, e Andrea Riva. Peccato per l’uscita di scena di alcuni piloti, tra cui Gentile. Bella gara per Francesca Cagna. La ligure dopo essere scivolata all’inizio ha recuperato fino al sesto posto assoluto. Una grande prestazione per Francesca, all’esordio sulle moto grandi, che ha girato con il ritmo dei primi.

1000 MES- Stock:

Fuori per caduta nelle prove Bartolini, e per ritiro Pedersoli, la 1000 ha perso due protagonisti, ma lo spettacolo non è mancato.  Il più lesto al via che è Fratus, ma scivola e deve rinunciare a una gara da protagonista. La lotta però si anima con la sfida Accornero- Cristini, con Boccelli più staccato. I due contendenti danno vinta a un bel duello che si conclude a poche tornate dal termine, quando Accornero cade. Cristini però deve guardarsi dal ritorno di Boccelli che recupera e si va a giocare il successo all’ultima curva, ma il bresciano, Cristini, rintuzza l’attacco e vince. Nella classe Stock, vittoria per Magnano che mette alle spalle Mestriner e Figerod, facendo così suo il primo successo nella neonata categoria monogomma Dunlop.

600 Open, Stock:

Gara densa di emozioni dopo la pole strabiliante del bresciano Brignoli, 1’10”9. In gara sotto la pioggia plotone di piloti che si scambiano di posizione. Lotta al fulmicotone tra Lo Bartolo, Corradi, Besana, Filippi, Corradi A., Brignoli, Mortali. Cade Corradi a un giro e mezzo dalla fine, mentre è secondo, poi nell’ultimo giro cadono anche gli altri contendenti e il successo va a Vivas, sesto fino a quattro curve dalla fine e poi incredibilmente in testa. Alle spalle del debuttante nella 600, Filippi, primo della Stcok, Daniele Corradi, secondo della Open e Gioia. Mentre il podio stock vede primo Filippi, davanti a Besana e Mele.

Race Attack:

Luca Pirotti vince una manche corsa al massimo, mettendo alle spalle Luca Maggio e Davide Rolando. Nella 1000 invece la vittoria va a Palladino che precede dopo una bella bagarre Alberto Fontana e Micheal D’Ambrosio. Nelle classifiche speciali, affermazioni per Di Pasquali, Rookies 600, Ciuti, Rookies 1000, Meneghini, 600, e Giacomini, challenge 1000.

È mancata la rivincita nella seconda manche per cause di pista impraticabile.

Fonte: trofeimoto.it

Vi lasciamo qui di seguito dei video della gara;


2019-05-12T11:48:45+00:00